DIGGERS, rivoluzione e controcultura a San Francisco 1966-1968

continuano gli incontri del mercoledì, apericena, presentazione libro e proiezione   &nbs

DIGGERS_10_may_2017

continuano gli incontri del mercoledì, apericena, presentazione libro e proiezione

 

 

 

Dalle 19

Apericena Bellavita:porta quello che vuoi condividere con gli altri.

Dalle 21

Nautilus presenta

Alice Gaillard: DIGGERS, rivoluzione e controcultura a San Francisco 1966-1968

Nella seconda metà degli anni Sessanta esplode la più grande rivolta che gli Stati Uniti d’America hanno vissuto nel xx secolo. A portarla avanti è una generazione che non ne vuole sapere di guerre, di competizione, di discriminazione razziali, che sta provando nella pratica quotidiana a ribaltare questi valori sostituendoli con altri. E’ in quest’ambito che nascono i Diggers che nel breve volgere di qualche mese riescono a trasformare la rappresentazione scenica del teatro guerriglia in realtà concreta, operando il superamento dello spettacolo in vita vissuta. Con il loro teatro di strada, si appropriano del piccolo quartiere di Haight Ashbury, e con la forza attrattiva delle loro performance e le parole rivoltose dei loro volantini trasformano i giovani che si ritrovano qui in una moltitudine che agisce, conquistata alla loro sovversione. La critica scenica alla proprietà si trasforma in gratuità reale e diffusa all’un’intero quartiere, quella ai valori discriminatori in pratiche di condivisione e reciprocità.

Partecipa il curatore dell’edizione Italiana

A seguire

San Francisco & Co.

Di Luciano Martinengo e Thomas Wahlberg 1972.

Cosa spinge i giovani che negli Stati Uniti agli inizi degli anni ’70 provano a vivere lontano dalla cultura e dai modelli della società da cui provengono? Come si organizzano?

Un reportage sulla vita di PROGET ONE una comune urbana di San Francisco dove in una ex fabbrica di caramelle 200 persone vivono e lavorano insieme, usano e sperimentano per uso collettivo un computer in un’epoca in cui queste macchine sono usate unicamente dalle grandi corporations, organizzano una radio, si interessano a progetti di comunicazione di ogni tipo e provano a diffondere questo modello in tutta la città.

Mezcal Squat – parco della certosa irreale – Collegno (TO)

Metro: Fermi capolinea

Bus: CO1   33   37

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top