Solidarietà al Fenix sgomberato!

FENIX FROST DANCE – Sullo sgombero di Fenix 13 dicembre 2017, alle 6 del mattino la digo

FENIX FROST DANCE – Sullo sgombero di Fenix

13 dicembre 2017, alle 6 del mattino la digos sfonda la porta di Fenix. Festeggiano l’anniversario della strage di Stato come Cristo comanda. Sul ghiaccio dei giardini irreali scivola lo sgombero che svela definitivamente il volto della giunta comunale 5 stelle. La giunta del dialogo con i centri sociali, squat e periferie varie. Propaganda elettorale, parole al vento cui non abbiamo mai creduto. E i fatti lo dimostrano: dopo lo sgombero strisciante del MOI, lo
sgombero ghiacciato di Fenix. Nessuno fa sgomberi sotto zero, ma a Torino si può. Lo vogliono tutti, il PD e la Lega che l’hanno invocato fin da maggio, lo vuole il tablet neo-qualunquista Cronaca qui…
Ma la responsabilità politica principale è della giunta pentastellata. Dopo solo 5 giorni dall’occupazione del 13 maggio, avevano già deciso che l’occupazione di Fenix è una questione di ordine pubblico, presentando denuncia “alle autorità competenti” per
“Occupazione Abusiva” “affinché provvedano a quanto di rispettiva competenza”. (assessore al Bilancio S. Rolando, consiglio comunale del 29-5-2017). Altroché dialogo con le esperienze di autogestione. E Fenix è un’esperienza storica che continua a rinascere dalle sue ceneri. Da quel giorno di metà maggio tutto è in mano agli sbirri, ben contenti di “lavorare” per estirpare il “crimine”.
A 7 mesi esatti dall’occupazione, lo sgombero. Il magistrato di turno si accanisce con Fenix, ponendola sotto sequestro giudiziario, come era già successo nel 2005 per la prima volta in Italia… a Fenix! Pochi mesi dopo anche il presidio NO TAV di Venaus fu sequestrato con lo sgombero. Entrambi furono rioccupati.
Così, la giunta 5 stelle non esita a chiedere lo sgombero di una biblioteca gratuita autocostruita – con un’intensa attività di presentazioni e di concerti – spazio di ritrovo di varie realtà attive sul territorio, frequentata dagli abitanti del quartiere e dagli studenti.
L’autogestione dà fastidio a qualunque potere in quanto ne è la negazione.
Porta divelta, libri per terra, inferriate storiche tagliate con il flessibile, muri di mattoni alle finestre, sfilata di uniformi di polizia e CC, molti digos sfaccendati. Gli sbirri parlottano con gli
esattori dell’IREN per staccare il quadro elettrico. Per trasformare il luogo in una caverna invivibile. Evidentemente non vi è alcun altro progetto su Fenix, l’unico vero obiettivo è di
rendere inabitabile uno spazio pubblico a costo di devastarlo. Dopo lo sgombero del 2005, il PD ci aveva messo dentro uno dei suoi gruppi – che lo teneva chiuso – per impedire che fosse rioccupato. I 5 stelle fanno di più, passano all’azione repressiva dello sgombero, quando gli sgomberi ovunque sono sospesi per motivi di sopravvivenza al freddo. Di fronte a Fenix fa bella mostra lo Spazio Comunale Abbandonato (SCA) dell’ex Rosalia occupata, sgomberata anch’essa nel 2005.
Complimenti alla giunta 5 stelle! Alle prossime elezioni la propaganda elettorale ve la
garantiamo noi. Come la garantimmo ai socialisti corrotti che sgomberarono, devastandolo, il Barocchio squat. Non furono rieletti.
Nel frattempo gli squatter di Fenix e i molti solidali, che hanno utilizzato o meno questo spazio, si dedicheranno a tutte le attività di risposta alla violenza di Stato che riterranno legittime e opportune, fuori da qualsiasi divisione manichea tra legalità e illegalità che caratterizza i giustizialisti 5 stelle.
Le attività di azione diretta di Fenix continuano per le strade del centro.

RIOCCUPEREMO FRA CINQUE MINUTI

Fenix
rinasce dalle sue ceneri
TORINO, 13-12-2017

FENIX SGOMBERATO, CI VEDIAMO IN CENTRO!

Fenix sgomberato, ci vediamo in centro
Questa mattina 13 dicembre (1312) viene sgomberato il Fenix,occupazione anarchica nata esattamente sette mesi fa. Lo spazio aperto e liberato ha ospitato e dato vita a diverse iniziative: concerti, presentazioni di libri,assemblee di altri collettivi della città, laboratori e incontri ludici con i bambini,cinema bellavita, l’autoproduzione di testi e una distribuzione di libri. Le energie delle persone che insieme, attraverso l’autogestione, hanno permesso a Fenix di rinascere si sono manifestate in un continuo di incontri, scambi e relazioni spontanee e disinteressaterendendo possibile che la casa e il parco intorno fossero davvero come vivi e pulsanti di passione. Giusto una dozzina di giorni fa era stata inaugurata la biblioteca autogestita con la “cena per un libro”.
Purtroppo la vita in questa società non si può esprimere al di fuori della gabbia e delle leggi dello stato, così in quattro e quattro otto per mano di poliziotti asserviti e lavoratori senza dignità il Fenix viene sgomberato e torna nell’oblio dell’abbandono. La giunta comunale vanta infatti sullo stabile un bel progetto di muratura finestre con tanto di sigillo per dichiarare il posto sotto sequestro. Ecco che di nuovo un gruppo di inutili e falliti detentori del potere emette sentenze di sgombero e pone fine a un progetto spontaneo di conoscenza e cultura. Un progetto che non chiede un soldo, funziona ed è veramente costruito “dalbasso”, rispondendo a reali esigenze e desideri. Siamo certi che a parte il distruggere, annullare, sgomberare, la nuova giunta, che si riempie la bocca di partecipazione e “democrazia diretta” continuerà a non essere in grado di proporre nulla di utile o interessante se non preoccuparsi di ripulire il centro in vista dell’ostensione della sindone.
Le persone che hanno fatto vivere Fenix continueranno a testa alta a provare a vivere secondo i propri modi e desideri, tentando sempre di ribaltare il sistema del potere.
Ad ogni sgombero 10 100 1000 occupazioni!

Comunicati di solidarietà con il Fenix sgomberato

Diamo notizia che stamattina il FENIX OCCUPATO è stato sgomberato e si sta procedendo in questo momento a sigillare porte e finestre con calce e mattoni

Il FENIX (un casotto nei Giardini Reali, via Rossini) è stato la prima occupazione della città di Torino circa 30 anni fa
Quella prima occupazione fu poi forzosamente interrotta e ripresa nuovamente 7 mesi fa, con grande gioia e condivisione di tanti

Oggi, nel giorno in cui ricorreva per l’appunto il settimo mesiversario della nuova occupazione, alle ore 6 del mattino la polizia ha sfondato per entrare
In quel momento nessuno era all’interno

I compagni stanno in questo momento portando via i libri della libera biblioteca che il FENIX ospita, la mobilia ed il resto

Proviamo tristezza e rabbia per la inutilità, sopraffazione e arroganza di questo come di ogni sgombero o limitazione di accesso a luoghi pubblici, solidali, intelligenti e belli
A presto per continuare
michelottilibero fenixlibero

_____________________________________

Il Fenix sgomberato questa mattina pare ora una tomba con le finestre murate e la porta blindata. Un lutto in più nell’indifferenza della gente pavida. La repressione non demorde ma trova complicità. Ricordate.
Gianni Milano

_____________________________________

Apprendiamo purtroppo oggi dell’ennesimo sgombero subito da Fenix, dal 1986 prima e orgogliosa madre di tutte le occupazioni torinesi, rioccupata e sgomberata una infinità di volte.
Siamo vicini e solidali con gli occupanti e ci aspettiamo di rivederla volare e tornare attiva tra di noi in una nuova occupazione.

L’USI-AIT vi è al fianco ed al fianco di tutte le autogestioni e sperimentazioni per un mondo senza gerarchia e autorità ma di liberi ed uguali.
Solidarietà quindi sul percorso intrapreso e solidarietà contro la repressione dello Stato.

Per l’USI-AIT Colby
Segretario Nazionale

_____________________________________

SOLIDARIETÀ AL FENIX

Torino e cintura NO TAV esprime massima solidarietà agli occupanti del Fenix sgombrati stamattina dalle “solerti” forze del disordine sempre pronte a reprimere gli spazi di autogestione ed auto determinazione.
Come sempre hanno agito all’alba in una città ancora addormentata cercando di non avere testimoni per i propri soprusi.
Non hanno risparmiato nulla del loro repertorio autoritario compreso l ‘ utilizzo dei cani e quello di operai privati di coscienza critica nei confronti di quel potere che pure non li considera persone.
Lo spazio di condivisione e libertà è spesso stato utilizzato da Torino e cintura No TAV per le proprie riunioni e il volo della Fenice non si arresterà certo per i loro sigilli.
I simboli non sono casuali…l’Edera saprà tenacemente corrodere
sbarre e cemento …la Fenice riprenderà il suo cielo.

Assemblea NO TAV Torino e cintura
NOTAV Valli di Lanzo

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top